Il suono, la musica ed il ritmo sono arte e scienza a cui l'uomo ricorre da millenni a scopi terapeutici, grazie alla capacità di influire positivamente sia nel fisico che nella psiche.

 

La musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) facilita e favorisce la comunicazione, la relazione, l'apprendimento, la motricità, l'espressione, l'organizzazione ed altri rilevanti obiettivi terapeutici al fine di soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive." (Federazione mondiale di musicoterapia).

Si tratta di un approccio interdisciplinare, che utilizza tutti i canali espressivi verbali e non verbali, ed ha come obiettivo quello di stimolare e valorizzare ogni forma espressivo-comunicativa  grazie ad elementi imprescindibili quali: suono, movimento, ritmo, canto, manipolazione, segno grafico, colore, voce, emozione e gesto.

Il bambino ha la possibilità di comunicare e manifestare la propria creatività, secondo il proprio modo unico di essere.

La musica abilitativa, interviene fornendo un valido sostegno nei casi di:

  • Disturbi del linguaggio e di comunicazione
  • Disturbi specifici di apprendimento
  • Iperattività
  • Disturbi dell'attenzione e della concentrazione

Oltre la parola esiste il linguaggio del corpo, del ritmo, ma soprattutto quello delle emozioni che sollecitano la persona all'espressione e  alla conoscenza di sé.

Per stimolare ed approfondire la comunicazione nel gruppo e nelle attività individuali, vengono proposte attività ritmico-sonore  per esplorare il proprio ritmo, sintonizzarlo con gli altri e con l'ambiente.

Il maestro di musica abilitativa vuole interagire attraverso attività vocali e melodico-strumentali per liberare le emozioni e creare un dialogo ritmico-sonoro in un linguaggio non verbale; infatti, è riconosciuto da sempre come una fondamentale modalità di comunicazione diventa un indispensabile strumento per garantire l'evoluzione nei rapporti di socializzazione.

Il bambino dunque, indipendentemente dalla patologia, si sente accolto, ascoltato, compreso, valorizzato.

 

Condotto da: Lorenzo Ricci, musicista e tecnico della riabilitazione psichiatrica

 

STANZA MUSICA